Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di più clicca qui.
OK

Un materiale, tanta funzionalità.

Un materiale, tanta funzionalità.

Il compito: la cittadina tedesca Blaubeuren, situato nella sempre verde zona della Svevia, ha bisogno di un palazzo multifunzionale per lo sport e la cultura. La decisione: costruire in mezzo ai prati verdi, tra i quartieri Beiningen e Pappelau. Il risultato: tanta luce, tanto legno e tanta funzionalità. 

GLI INTORNI COME PARTE INTEGRANTE

"Costruire il palazzo sui prati verdi è stata una decisione abbastanza discussa", raccontano i due architetti Jens Krimmel und Kay Frahm. La nuova costruzione dovrebbe costituire il nuovo centro dei due quartieri che si stanno ormai unendo sul territorio. La lunghezza dell'edificio è orientata precisamente verso i due quartieri che sono protagonisti visibili anche dall'interno.

Jens Krimmel e Kay Frahm si sono ispirati nel disegno del progetto alle caratteristiche territoriali - con vista sui due quartieri e collocato in mezzo ai prati verdi: Il materiale, la forma e le funzionalità del palazzo per lo sport e la cultura sono stati integrati nel progetto. 

IL LEGNO COME PROTAGONISTA

Il legno occupa nel progetto un ruolo importante. "Il legno è un materiale edile rinnovabile che non genera CO2. È quindi la base per un'edilizia ecosostenibile. Il legno ha inoltre delle radici profonde nell'edilizia delle zone rurali ed è stato per noi fonte d'ispirazione", dice Jens Krimmel. Insieme al suo socio hanno puntato sull'utilizzo del legno per la costruzione delle travi e del tetto, per la maggior parte delle superfici all'interno ma anche per la facciata. L'abete rosso, il rovere e l'abete di Douglas sono la faccia ed il cuore dell'edificio. Per la facciata sono stati utilizzati dei listelli in legno di Douglas segato. Sono stati posizionati verticalmente in modo da costituire l'involucro uniforme di tutto l'edificio. La distanza tra i listelli è maggiore intorno alle finestre in modo che all'interno la luce possa essere sfruttata al meglio. "I listelli in douglas sono la barriera resistente dall'esterno. Sul lato sud e ovest l'edificio si apre verso l'interno grazie alle pareti inclinate. Questa parte è già costruita in legno di abete rosso per preannunciare la "morbidezza" degli interni", spiega Krimmel e Frahm. 

ADLER CREA LA GIUSTA ATMOSFERA

I pannelli in abete rosso all'esterno sono stati verniciati con ADLER Lignovit Protect Finish. Anche per gli interni è stato scelto un prodotto a base d'acqua: ADLER Lignovit Interior UV100. Questa nobilitazione protegge il legno chiaro dell'abete rosso dall'ingiallimento. Così rimane per sempre fresco e bello come il primo giorno. ADLER Lignovit Interior UV100 è stato usato su tutti le superfici in legno all'interno, anche per i pannelli multistrato che sono stati usati per i soffitti e per i pavimenti. In tutto ricoprono una superficie di 4.500 metri quadri. Le superfici sono chiare e naturali proprio come se lo immaginavano gli architetti. "Abbiamo scelto Lignovit Interior per mantenere il carattere originale del legno e degli interni a lungo. Non volevamo che diventasse con il tempo giallo e più scuro. Inoltre ADLER Lignovit rispetto ad altri prodotti offre una maggiore resistenza all'acqua. È stato fondamentale durante la costruzione del telaio che per un periodo è stato esposto alle intemperie", spiega Jens Krimmel. 

IL CERCHIO SI CHIUDE

Le imponenti travi coprono i 20 metri di lunghezza del palazzo. Il tetto caratterizza nella sua forma l'aspetto dell'edificio ed è parte integrante dei diversi vani all'interno. La parte centrale è il Foyer che è facilmente modificabile e quindi adatto per diversi tipi di utilizzo. Il Foyer è direttamente connesso con la cucina. La parte dedicata alla cultura si trova nel piano di sopra ed è connesso apertamente con il Foyer. La galleria può essere utilizzata per eventi più piccoli. Anche la zona dedicata allo sport è direttamente connessa con il Foyer. Nonostante questa connessione strutturale, le zone dedicate allo sport e alla cultura sono divise e possono essere utilizzate indipendentemente una dell'altra. Il corridoio nel piano superiore può essere utilizzato anche come podio per gli spettatori. Oltra alla vista avvincente che si gode durante gli eventi sportivi si può godere anche la vista sui dintorni: verso nord (Beiningen) e verso sud (Pappelau). In questo modo si chiude il cerchio tra l'estrno e l'edificio, tra dentro e fuori, tra la natura ed il legno come materiale naturale. 

 

Foto: LOOK!MediaProjekt

Dati del progetto
Immobile
Palazzo multifunzionale a Blaubeuren (Germania)
Progettista
Jens Krimmel e Kay Frahm

Zum ADLER Online-Shop: