Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di più clicca qui.
OK

La fabbrica dei pensieri con vista

Un luogo dove riflettere e discutere

La fabbrica dei pensieri con vista

Il Teorema di Pitagora ed il Pi greco, molti sono i concetti che ci sfuggono quando parliamo di matematica. Ciò non significa però che tra noi non vi siano persone che invece tali concetti li comprendono perfettamente, e che possono quindi apparirci estranee. Allo stesso modo ad esempio , nel mezzo della Foresta nera, si nasconde l'MFO, istituto svizzero per la ricerca matematica.  Questo istituto è ai massimi livelli sia per la ricerca matematica sia per la sua architettura. 

IMPRESSIONANTE CHIAREZZA

Ripidi pendii, boschi e prati circondano l'istituto - giace idilliaco e nascosto nel paesaggio che lo circonda. Riservato ma visibile si fonde con l'ambiente circostante. La biblioteca è la stanza che salta di più all'occhio del visitatore, non solo perchè ad aspettarlo c'è una delle collezioni più complete di letteratura matematica, ma soprattutto per la sua architettura: cemento bianco e grandi vetrate con finestre in larice che vanno a comporre un edificio di una chiarezza impressionante.

 

"un luogo dove riflettere e discutere, rilassarsi e concentrarsi allo stesso tempo" Harter + Kanzler architetti

FINESTRE DOMINANTI

„Il nostro scopo primario è stato quello di integrare in maniera cauta la nuova biblioteca con il preesistente edificio“, racconta l'architetto progettista Bruno Harter della ditta Harter + Kanzler „un'architettura quasi spartana, la riduzione all'essenziale e più spazio per l'ispirazione e la creatività" sono lo scopo degli architetti.

La scelta a favore della semplificazione riguarda anche i materiali utilizzati. Cemento sbiancato, vetro isolante e legno di larice ne sono i rappresentati principali. Il larice locale è stato utilizzato nella facciata a sud, cosi come per le grandi e dominanti vetrate. La biblioteca è lunga 30 metri per 3,5 metri di altezza: nessuna sfida è impossibile per la ditta Schillinger, la quale ha sede anche nella regione Oberwolfach.  

RIVESTIMENTO SPERIMENTATO 

„La struttura delle finestre dovrebbe è semplice, senza elementi di disturbo. La struttura in cemento interna dovrebbe essere intuibile attraverso le vetrate" ci spiega il costruttore Sig. Wilhelm Schillinger. Le bocche di aerazione in legno portano aria fresca nello studio, nel caso le menti dovessero fumare troppo. 

 

Queste spettacolari finestre hanno ovviamente bisogno di un rivestimento altrettanto spettacolare. La ditta Schillinger ha quindi optato per una costruzione speciale. Siccome la struttura in cemento sporge leggermente verso l'esterno offrendo quindi un riparo al legno, ha potuto ricoprire le finestre con uno strato di vernice sottile. Oltre al necessario impregnante, sono presenti due mani di Lignovit Lasur Larice, un prodotto che viene altrimenti usato per le facciate in legno, che aiuta a proteggere e decorare anche le finestre.  All'interno invece il prodotto ADLER Aquawood Lärchenöl a base d'acqua si preoccupa di dare un tocco naturale e una lucentezza setosa donando una sensazione al tatto confortevole e piacevole sempre rispettando il principio di essenzialità. 

Dati del progetto
Immobile
Mathematisches Forschungsinstitut Oberwolfach
Prodotti utilizzati
Progettista
Harter + Kanzler Architekten
Aziende operative
Fensterbau Erich Schillinger GmbH

Zum ADLER Online-Shop: