Villa privata, isola di Albarella | © Ikebeo, per Oikos Venezia srl
Serramenti

La porta delle meraviglie

Situata in posizione centrale dell’isola di Albarella, circondata da una fitta vegetazione, si erige una nuova villa dalla struttura imponente e contemporanea. L’abitazione privata è sviluppata in modo audacemente articolato, con un approccio raffinato ma deciso che gioca con linee architettoniche essenziali e con le texture di materiali semplici: legno, cemento, gres porcellanato, vetro ed effetti marmorei.

Villa privata, isola di Albarella | © Ikebeo, per Oikos Venezia srl
Porta monumentale Synua | © Ikebeo, per Oikos Venezia srl
La porta monumentale permette il passaggio della luce da una parte all'altra della villa | © Ikebeo, per Oikos Venezia srl
Villa privata, isola di Albarella | © Ikebeo, per Oikos Venezia srl

Un mondo magico

L’idea progettuale dell’architetto Genny Augusti dello Studio di Architettura Leonardo di Adria è stata quella di mettere in evidenza i due ingressi principali posti in una sorta di “decumano” che attraversa la villa da est a ovest e mette in evidenza le linee geometriche studiate per l’abitazione. Il dialogo con lo spazio circostante è attento e naturale al tempo stesso: il paesaggio esterno entra spontaneo in casa, pur mantenendo ambienti di privacy al suo interno. Nel nucleo centrale della villa, interamente vetrato, è posto l’ingresso con una porta realizzata dall’azienda Oikos. La porta, letteralmente monumentale, della collezione Synua è alta più di 5 m e presenta un’apertura a bilico che accoglie e stupisce il visitatore regalando un’esperienza unica: superare un vero e proprio portale per entrare in un mondo magico ancora sconosciuto. L’obiettivo è quello di accogliere l’ospite per farlo sentire al sicuro e protetto, e facendolo godere, varcata la soglia, di una meravigliosa vista sul verde e sulla piscina. Proprio l’imponente portone pivotante è ciò che l’occhio umano percepisce appena giunge nei pressi della villa: “l’importanza di coordinare la progettazione di questo elemento che enfatizza l’imponenza della costruzione è stata fondamentale per ottenere il risultato ottimale per i committenti”, afferma l’architetto.

Lo spazio oltre la soglia

Oikos nasce nel 1990 a pochi chilometri da Venezia. Da oltre 30 anni progetta e realizza porte d’ingresso Made in Italy e, in quanto tali, promuove il concetto del bello e del ben fatto. Come nel caso della villa di Albarella, per Oikos la personalizzazione è fondamentale, non a caso la parola “Oikos” in greco significa “casa” e proprio la casa e le persone che vi abitano ricoprono il ruolo di centralità, ispirazione e forza che ha permesso all’azienda di continuare ad essere vincenti nell’ambito delle – così amano chiamarle – architetture d’ingresso. Tra l’altro, da quest’anno ADLER supporta Oikos anche nella promozione del progetto “DoorScape – Lo Spazio oltre la Soglia”, un concorso internazionale di architettura d’ingresso.

Stima reciproca

Da oltre 20 anni Oikos si affida ad ADLER per il rivestimento delle sue porte, rifornendosi dallo storico rivenditore Color Service di Treviso. Tra le due aziende vi è un rapporto di profonda stima reciproca, dato soprattutto da alcuni valori portanti che le accomunano, come l’altissima qualità e l’ecosostenibilità. “ADLER non è solo un fornitore bensì un partner che ha camminato con noi in questi lunghi anni ed ha contribuito a farci diventare quello che siamo” afferma Fabio Buscato, socio titolare di Oikos Venezia srl, e continua “con loro abbiamo sviluppato molte tecnologie e soluzioni estetiche che ci garantiscono un elevatissimo standard di qualità per quelle che sono tutte le componenti in legno verniciato che fanno parte dei nostri prodotti. Nel progetto dell’ingresso all’isola di Albarella ADLER ci ha supportato nel rivestimento interno della porta in legno di Rovere
RAW Cenere che viene ripreso anche nella maestosa scala interna, per sottolineare il costante dialogo fra ingresso e interior design.” Per la verniciatura della porta, Oikos ha utilizzato dapprima l’impregnante Aquawood Primo A1, seguito da due mani del fondo Aquawood Protor Base L e come finitura una mano di Aquawood Protor Finish L, uno speciale ciclo all’acqua che garantisce la massima resistenza chimica e all’abrasione.

© by adler-lacke.com