© Braunger Wörtz Architekten / Erich Spahn
Serramenti

La rinascita di una rovina

Se ne stava lì: vecchia e un po' fatiscente - tuttavia un vero tesoro nascosto. Fu amore a prima vista! Quando Marcus Wörtz, durante un giro in mountain bike in mezzo al bosco attraverso l'idilliaca valle Lautertal in Baviera, si è trovato improvvisamente davanti alle rovine di un'ex fabbrica di terrazzo, ha riconosciuto immediatamente il potenziale di questo luogo d'altri tempi.

© Braunger Wörtz Architekten / Erich Spahn
© Braunger Wörtz Architekten / Erich Spahn
© Braunger Wörtz Architekten / Erich Spahn
© Braunger Wörtz Architekten / Erich Spahn

Fino agli anni 1990, le miscele di pietra sono state prodotte nell'edificio utilizzando il cosiddetto "Ulmer Weiß" (letteralmente "bianco di Ulm") estratto nella regione. Al piano superiore della lunga sala i frantoi di pietra tintinnavano, al piano terra le varie miscele venivano conservate in quattro grandi vasche. Oggi, al piano superiore sferragliano i plotter e tra le pareti di cemento grezzo delle vasche in pietra si trova una miscela molto speciale: le 30 menti creative dello studio di architettura Braunger Wörtz! Marcus Wörtz e Berthold Braunger hanno trasformato con passione la vecchia fabbrica nella loro nuova sede di lavoro.

Memoria vivente

Una particolare preoccupazione del duo di architetti è stata quella di preservare quasi completamente l'edificio storico. "Il vecchio stabilimento fa parte del paesaggio culturale", sottolineano. Quello che avevano in mente non era una ricostruzione o una nuova costruzione, ma un "costruire sopra": per ottenere questo, i progettisti si sono affidati interamente ai materiali originali che avevano resistito per decenni al pesante lavoro: cemento, pietra e legno. Hanno messo con cura un nuovo guscio di legno sopra il piano superiore dell'edificio esistente. In questo modo, l'ex terreno industriale abbandonato ora si fonde - quasi più di prima - come una componente organica nel bellissimo ambiente circostante. Costruire nella e con la natura - anche i nuovi componenti, come le finestre, dovrebbero essere il più naturali possibile. Ecco perché gli esperti di Scheifele Fenster- und Innenausbau GmbH & Co KG hanno utilizzato un rivestimento molto speciale per gli elementi in abete rosso: il sistema Aquawood Ligno+ di ADLER che fornisce una superficie altamente trasparente e dall'aspetto completamente naturale. Dopo l'impregnante ad immersione ADLER Aquawood Ligno+ Base, che stabilizza la componente di lignina, e la verniciatura intermedia con Aquawood Ligno Sealer SQ per un perfetto isolamento, è seguita la verniciatura finale con ADLER Aquawood Ligno+ Top. "Qui abbiamo anche aggiunto un po' di ADLER Aquafix S per ottenere una superficie più opaca, strutturata e quindi dall'aspetto più naturale possibile", rivela un collaboratore di Scheifele.

Testimone del tempo

All'interno, l'arredamento e la tecnologia contemporanei sono ora abbinati al tessuto storico dell'edificio. La polvere della calce si attacca ancora alle vecchie travi di legno, e i muri di cemento delle cabine di pietra fungono da divisori naturali. Sono completati da un'idea creativa che il team Braunger-Wörtz ha potuto testare subito per la possibile idoneità del cliente: le tende insonorizzate grigio pietra permettono di modificare in modo flessibile la situazione della stanza. In questo modo, l'ex fabbrica di terrazzo è ora diventata uno studio d'architettura che assicura un luogo di lavoro e una permanenza di alta qualità, un testimone vivente dei tempi e un patrimonio culturale animato che non solo delizia i dipendenti e i visitatori: la sottile trasformazione è stata infatti premiata nel 2020 con il premio Hugo Häring per edifici esemplari nella regione del Baden-Württemberg!

 

 

 

© by adler-lacke.com