© Frank Architekten / Andreas Jacob
Serramenti

Tassilo incontra la tradizione

Può forse il simbolo dell'accoglienza bavarese, la tipica locanda di campagna, evolversi delicatamente? Aggiungere lo chic contemporaneo senza perdere il suo fascino? Sì! E come! Con un nuovo edificio alberghiero che si pone in completo contrasto con l'architettura classica e la completa proprio in questo modo. Frank Architetti mostra questa difficile impresa artistica a Rosenheim.

© Frank Architekten / Andreas Jacob
© Frank Architekten / Andreas Jacob
© Frank Architekten / Andreas Jacob
© Frank Architekten / Andreas Jacob
© Frank Architekten / Andreas Jacob
© Frank Architekten / Andreas Jacob

La locanda Höhensteiger Inn nel quartiere di Rosenheim Westerndorf St. Peter è gestita oggi dalla quinta generazione e la sua storia si riflette già nel nome "Gast-Hof" (tradotto, "cortile per gli ospiti"). Come molte altre tipiche locande di campagna, l'attività si è evoluta inizialmente da una fattoria. Fino a pochi anni fa, il leggendario asino da corsa Tassilo osservava curioso il trambusto nel cortile attraverso la porta della stalla. Gli architetti Frank Architekten di Eggenfelden hanno quindi preso a modello il cortile storico per completare con cura il complesso tradizionale con un semplice ampliamento dell'albergo che porta orgogliosamente il nome di "Tassilo".

Understatement bavarese

L'edificio secondario è stato sostituito da una struttura in legno a linee rette: l'edificio a due piani si erge discreto in secondo piano - e ciò è stato fatto intenzionalmente: "Il complesso alberghiero non vuole essere un concorrente, ma cerca di rafforzare gli edifici esistenti con la sua semplicità e discretezza", spiega l'architetto Markus Frank. Nelle sue proporzioni, riprende la tipologia tradizionale e la traduce in un nuovo linguaggio di design. Questo vale anche per la scelta dei materiali. Gli architetti Frank hanno deliberatamente utilizzato il legno per l'ampliamento. Legno, che dovrebbe anche essere riconoscibile come tale e avere un tocco moderno. Per questo motivo la facciata è stata rifinita con Lignovit Platinum di ADLER. La finitura a base d'acqua conferisce al legno d'abete rosso un impressionante luccichio metallico.

Finestre abbinate alla facciata

Gli esperti ADLER, in collaborazione con gli architetti, hanno sviluppato per l'Hotel Höhensteiger una speciale tonalità di colore nero onice e marrone granata. E sono andati anche un passo avanti: anche le finestre in legno sono state perfettamente abbinate a questa tonalità di colore! Questo risultato è stato ottenuto con la nuova finitura a film spesso Aquawood Dickschichtlasur Carat e il servizio coloristico ADLER Color Synergy. Così, la facciata in legno, le finestre in legno e le lamelle verticali in legno davanti ad esse formano ora una cornice armoniosa per 20 nuove camere per gli ospiti e alcune ulteriori camere comuni e funzionali.

Fratello minore, sorella minore

Tra l'altro, il nuovo edificio dell'hotel ha un "fratellino" o una "sorellina" per il seguente motivo: la sesta generazione della famiglia di locandieri è entusiasta delle spaziose camere per bambini nella piccola casa unifamiliare, che ha anche un nuovo look. L'annesso offre una vicinanza spaziale con l'azienda, ma anche un rifugio per la vita privata. Anche qui, un edificio in legno marrone argento lucido troneggia su un massiccio zoccolo, discretamente sullo sfondo eppure chiaramente appartenente all'insieme. La sua sorprendente combinazione di tradizione e modernità conquista il cuore degli ospiti. E non sarebbe affatto sorprendente se l'Hotel Höhensteiger avesse conquistato anche il cuore della giuria del 5° Premio per la costruzione in legno di Rosenheim, per il quale Frank Architetti ha recentemente presentato il progetto.

© by adler-lacke.com